INFANZIA MASTER-CHEF: quando la scuola diventa “gustosa”!

0
421

Folate di farina sotto sguardi teneri, curiosi e pervasi di stupore. Piccole mani impiastricciate di zucchero, minuscole dita avvolte nella pasta morbida e profumata. Nasi spruzzati di bianco, simpatiche cuffie, grembiuli allacciati e poi…finalmente tutti intorno ai tavoli con le mani in pasta! La ricetta è stata quella di un dolce tipico del carnevale: le frittelle che, insieme alle castagnole, fanno ancora leccare i baffi a grandi e piccini. E’ successo nel plesso “Maria Montessori” della Scuola dell’Infanzia del Polo 2 di Galatone. I bambini si sono adoperati in un laboratorio dei sapori, improvvisandosi piccoli chef alla ricerca-scoperta delle tradizioni gastronomiche del proprio paese. Le frittelle, dette anche “tarallini” dolci o ciambelle, sono state realizzate dai piccoli alunni con abilità e allegria, guidati da pasticceri esperti che hanno illustrato loro, passo dopo passo, l’insieme degli ingredienti e in seguito le fasi della lavorazione. I bambini sono poi passati, piacevolmente, dalla teoria alla pratica quando hanno manipolato la pasta e l’hanno trasformata in squisite e paffute frittelle.
Nel tempo attuale, pervaso dall’amore per la gastronomia, popolato di chef stellati e preparazione di pietanze prelibate della propria terra, i bambini rappresentano senza dubbio gli eredi e i custodi privilegiati delle tradizioni, di quei valori essenziali rappresentanti e raccontati dalla pagina delle proprie radici.
La metodologia laboratoriale invece prende sempre più piede nel complesso e ampio panorama della didattica e spiana la strada ad una Scuola capace di trasmettere il sapere con le tecniche attive e innovative, verso una Scuola che, mentre insegna, sappia coinvolgere e divertire, appassionare e colorare la vita. Allora…il segreto della ricetta, forse, è davvero tutto lì: imparare prendendoci gusto!

Rosi Fracella

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto − otto =